Aretusea Magazine

Blog

Nuelle- “Fortissimo” (intervista)


“Fortissimo” è il nuovo singolo di Nuelle prod. Attilio, fuori il 15 aprile per Tippin’ Factory, il singolo segue il precedente esordio “Dimenticare un sabato”. Noi gli abbiamo fatto qualche domanda: ecco come è andata!

Benvenuto su Aretusea! Il 15 aprile pubblicate il vostro nuovo singolo “Fortissimo”, quanto vi sentite cambiati dal vostro singolo d’esordio?

Credo che siamo cambiati sotto altri punti di vista, musicalmente non direi, sono entrambi canzoni accomunate dalla sempre presente malinconia, le sonorità sono diverse perché “Fortissimo” ha una malinconia più energica rispetto a “Dimenticare un sabato”. I brani nascono sempre da  un condiviso bisogno di esprimerci, imprimere i sentimenti e condividerli con gli altri.

“Fortissimo” è il racconto di un’emozione amplificata a mille: c’è una storia dietro che ti ha aiutato a scriverla?

Si “Fortissimo” ha una storia dietro e scriverla mi ha aiutato ad esorcizzare il malessere. Vorrei potervela raccontare ma non credo di essere emotivamente ok a riguardo. 

Come nasce un singolo tra Nuelle e Attilio (visto che siamo già alla seconda collaborazione)?

La collaborazione tra noi due nasce sempre in modo diverso, nello specifico per questo brano Attilio entra in camera mia e dice “frà ho fatto questo che ne pensi?” e ho subito iniziato a scrivere…era un brano molto diverso agli inizi fin quando non ho avuto un gran bel breakdown mentale e ho avuto la malinconia giusta per scriverlo così come lo ascoltiamo ora. Anche la produzione di Attilio è cambiata man mano che gli consegnavo tracce di voce. Altre volte magari arrangio io qualcosa alla chitarra o al piano e lui ci costruisce sù.

Quale domanda non vi hanno mai fatto ma che invece avreste voluto ricevere?

E’ una domanda molto complicata credo che probabilmente questa è quella che non avremmo mai voluto ricevere.

alt=“Nuelle che sorride fortissimo”/
Nuelle – 1

Dai un voto al nostro Articolo

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.