info@aretuseamagazine.it

Aretusea Magazine

Blog

I Burn 167 con Africa EP si presentano!

I Burn 167 con Africa EP si presentano!

Direttamente da Castellana Grotte arrivano gli Burn 167, un interessante band con il loro primo EP autoprodotto “Africa EP”. Abbiamo recensito il loro lavoro scoprendo tanta buona qualità e caparbietà!

I Burn 167 arrivano da Castellana Grotte e rappresentano una scena, quella Italiana sempre in continuo fermento e mai banale o scontata. Il loro pop rock/alternative rock è un pugno ed una carezza in faccia, il loro primo EP autoprodotto, “Africa EP” comincia con un brano strumentale con atmosfere post rock, dream pop e ricorda foglie d’autunno che cadono con leggerezza nel suolo che diventano pietre con l’asfalto, la band presenta la sua doppia faccia tra il dolce e l’amaro e nella seconda traccia “Indeterminato” affronta tematiche quali lavoro e difficoltà dei nostri tempi con una voce sporca, arrabbiata e grintosa, un brano energico che spinge le sonorità delle band verso un rock che non graffia mai davvero le orecchie. Il terzo brano “Africa” che da il nome all’EP è forse la migliore traccia dell’album, questa volta la voce diventa melodiosa e calda, come il continente Africano, il sound diventa più maturo con l’ingresso di archi e chitarre molto raffinate e delicate, un brano fondamentalmente impegnato e cupo. “Venere” si presenta come una ballata che forse rappresenta maggiormente le idee ed il modo di comporre del gruppo, il solo di basso nel finale impreziosisce il tutto dando al brano un tocco in più, “Fuoco dal cielo” da lustro ad una chitarra solista un po’ messa in secondo piano nel resto dei brani e segue sempre il filone artistico dei Bum 167 senza distaccarsi troppo dalla precendete “Venere”, nel brano finale dell’EP “Insonnia” la band esce fuori i denti con riff di chitarra serrati e taglienti con ritmiche quasi punk rock, il brano potrebbe essere la colonna sonora di chiunque non riesce a dormire e cerca disperatamente se stesso ed il proprio sonno contando le famosissime pecorelle. In conclusione la band si presenta al panorama italiano con un buon biglietto da visita sicuramente da migliorare e con ottimi margini di miglioramento per farlo, sicuramente si potrebbe pensare a ridurre la durata dei brani per dare maggiore incisività, il progetto necessità di una maggiore maturità, ma disquisire nelle critiche non è il nostro forte, i Bum 167 possono diventare uno di quei gruppi Italiani di cui se ne sentirà parlare sicuramente e fa sempre piacere vedere come ci siano ragazzi pronti a comporre e mettersi sempre in gioco. “Africa EP” è il loro primo lavoro autoprodotto, ascoltatelo, non ve ne pentirete.

Facebook Page – Burn 167 Facebook
Africa EP – Burn 167

1527010_249861185183155_1949170310_n Burn 167 – 1 10421273_477693749066563_1014580405358854002_n Burn 167 – 2
11377131_476970372472234_8751432636651034287_n Burn 167 – 3 11392972_476968675805737_1525236194232659724_n Burn 167 – 4
Dai un voto al nostro Articolo

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *