info@aretuseamagazine.it

Aretusea Magazine

Blog

Carlo Addaris ed il suo nuovo singolo “Il fuoco sulla sabbia”

Abbiamo intervistato Carlo Addaris in occasione del suo nuovo singolo in uscita “Il fuoco sulla sabbia”. Questo il risultato della nostra chiaccherata. Buona lettura.

 

Ciao Carlo, grazie per aver accettato il nostro invito a scambiare due chiacchere! A breve uscirà il tuo nuovo singolo che abbiamo già ascoltato ed apprezzato. Ci vuoi raccontare un po’ com’è nato e come mai la scelta è ricaduta proprio lì?

Intanto grazie a voi per l’ospitalità. Il brano faceva parte della prima manciata di provini realizzati per il nuovo disco. Era quello più istintivo e più diretto, ed anche per questo motivo è stato scelto come singolo, d’accordo con Emanuele Fusaroli che ha curato tutta la produzione.

Sei un cantautore sardo attivo già da un bel po’ di tempo nella scena italiana, quali difficoltà può incontrare un cantautore come te nella scena musicale odierna? Non pensi che ci gli ascoltatori di oggi siano troppo distratti o superficiali?

Beh direi che quello che stiamo vivendo è un periodo abbastanza complicato ed ambiguo, e questo si riflette ovviamente anche su tutto ciò che è arte, intrattenimento, spettacolo, televisione etc.. Si va sempre più di corsa, ci sono sistemi sempre più veloci, si ascoltano le playlist saltando la metà dei brani, non si ascoltano più i dischi per intero, si va ai concerti per guardarli dallo schermo dello smartphone. Poi però c’è anche altro, per fortuna. I dischi da gustare con calma ed attenzione, alla vecchia maniera, i concerti e gli spazi dove si tiene rigorosamente lo smartphone in tasca o nella borsetta. Bisogna capire da quale parte si vuole stare, o se non necessariamente sceglierne una, riuscire ad apprezzare entrambe senza escludere il resto. Comunque per farla breve, è sempre un casino, ma va bene così.

Cosa dobbiamo aspettarci dal tuo prossimo album? Cosa ti ha spinto verso la realizzazione di un nuovo disco e cosa ti ha ispirato? Sarà un concept?

Non credo che sarà un concept nel vero senso del termine, anche se tutto ruoterà attorno a due temi principali di fondo: viaggio e catastrofi, entrambi intesi sia dal punto di vista strettamente fisico che spirituale. E l’ispirazione non manca, basta guardarsi attorno, ma anche guardarsi dentro.

Ti sarebbe piaciuto condividere il tuo nuovo singolo con qualche artista che stimi? Un featuring magari?

Guarda ho fatto un sogno tempo fa, dove mi ritrovavo con Fabio Rondanini dei Calibro 35 alla batteria, Colin Greenwood dei Radiohead al basso e Appino dei Zen Circus. E buonanotte…

La tua attività live in Sardegna è stata molto proficua, ci sarà modo di vederti dal vivo pure altrove? Hai in programma un tour?

Oltre alle date in Sardegna, che saranno diverse e pressoché tutte già definite, stiamo valutando la possibilità di fare un mini tour nel nord Italia, che potrebbe avere ipoteticamente Genova, Milano e Bologna come principali tappe di un giro un po più largo. Capiremo meglio se ci cono le condizioni o no, nelle prossime settimane.

Ti ringraziamo ancora per la tua disponibilità, cogli questo spazio per salutare e ringraziare chi ti senti di farlo.

Ancora grazie a voi per la piacevole chiacchierata.

Saluto Cristina, la mia compagna, i miei compagni di viaggio Stefano Corda e Andrea Peddis, il mio produttore Emanuele Fusaroli che ringrazio per la disponibilità e i consigli;  grazie infine a Fabrizio Mocci per il video de Il Fuoco sulla Sabbia, e a Lorenzo d’Antoni dell’ufficio stampa, come sempre impeccabile.

Guarda il nuovo singolo qui

 

Dai un voto al nostro Articolo

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *